pastore del caucaso pastore del caucaso pastore del caucaso

Il Pastore del Caucaso

di Roberto Salvi

Standard di razza

PRECEDENTE STANDARD FEDERATION CYNOLOGIQUE INTERNATIONALE DEL 30.01.1985 IN VIGORE FINO AL 2 MARZO 2011

N° 328

PASTORE DEL CAUCASO

ORIGINE: Russia

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD : 30.01.1985

UTILIZZO: Cane da Pastore, da guardia e da difesa.

CLASSIFICAZIONE F.C.I.: Gruppo 2 Cani di Tipo Pinscher e Schnauzer – Molossi – Cani da Montagna e Bovari Svizzeri. Sezione 2.2 Molossi. Senza prova di lavoro.

ASPETTO GENERALE: I Pastori del Caucaso sono cani di taglia superiore alla media e di grande mole, di costituzione robusta quasi grossolana; per natura, essi sono mordaci e diffidenti verso gli estranei. A queste peculiarità bisogna aggiungere la resistenza, l’assenza di esigenze e la capacità di adattamento alle condizioni termiche e climatiche differenti che permettono l’uso del Caucaso in quasi tutte le regioni della Russia. Le principali regioni di diffusione dei Pastori del Caucaso sono: Georgia, Armenia, Azerbaidjan, Kabardino-Balkarie, Daghestan e Kalmoukie, le regioni delle steppe del Caucaso del nord e i dintorni dell’Astrakhan. Nelle regioni Transcaucasiche i cani sono di costituzione più massiccia mentre nelle regioni delle steppe essi sono più leggeri, più alti sulle zampe ed hanno spesso pelo corto.

COMPORTAMENTO/CARATTERE: cane di elevata reattività, forte - equilibrato - calmo. Le reazioni di difesa che si manifestano in modo attivo sono molto sviluppate. L’aggressività e la diffidenza verso gli estranei sono tipiche.

COSTITUZIONE: Robusta veramente grossolana, con un’ossatura massiccia ed una muscolatura forte. Pelle spessa ma elastica.

INDICE DI OSSATURA: (rapporto tra il perimetro del metacarpo e l’altezza al garrese): per i maschi è di 21-22; per le femmine 20-22.

INDICE DEL FORMATO: (lunghezza del corpo x 100/altezza al garrese): 102 – 108.

CARATTERIZZAZIONE SESSUALE: ben marcate. I maschi sono più forti e massicci. Le femmine sono un po’ più piccole di taglia, un po’ più leggere di costituzione.

TESTA

REGIONE CRANIALE

Cranio: Massiccio, con una scatola cranica larga e degli zigomi fortemente sviluppati. Fronte larga, piatta, divisa in due metà da un leggero solco.

Stop: non è fortemente marcato.

REGIONE FACIALE

Tartufo: forte, largo, nero. Nei cani bianchi e paglia chiaro è ammesso che il tartufo sia marrone.

Muso: Il muso è più corto della lunghezza del cranio, poco affilato.

Labbra: Labbra forti ma asciutte e ben aderenti.

Denti: Bianchi, forti, ben sviluppati, mai radi né distanziati. Incisivi allineati alla base. Chiusura a forbice.

Occhi: Scuri, piccoli,di forma ovale, infossati nell’orbita.

Orecchie: Pendenti, attaccate alte, tagliate corte.

COLLO: Potente, corto. Portato abbastanza basso in modo da formare un angolo di 30°-40° rispetto alla linea del dorso.

CORPO:

Garrese: Largo, muscoloso, che si distacca molto al di sopra della linea del dorso.

Dorso: Largo, dritto, muscoloso.

Lombo: Corto. largo, leggermente arrotondato.

Groppa: Larga, muscolosa e disposta quasi in linea orizzontale.

Torace: Largo, alto, di forma leggermente arrotondata. La linea inferiore del petto si trova al livello dei gomiti o più in basso.

Ventre: moderatamente retratto.

CODA: Attaccata alta, pendente verso il basso, lunga sino al garretto. A forma di falce, uncino o anello. Sono ammesse code tagliate.

ARTI

ARTI ANTERIORI: Visti di fronte: diritti e paralleli. Angolo dell’articolazione scapolo-omerale circa 100°.

Avambracci: Dritti, forti, lunghi senza eccessi.

Metacarpi: Corti, forti, disposto in verticale o con inclinazione non significativa.

Lunghezza degli arti interiori sino ai gomiti leggermente superiore alla metà dell’altezza al garrese. Indice di altezza degli anteriori: 50-54.

ARTI POSTERIORI: Visti da dietro diritti e paralleli; Visti di lato leggermente aperto all’altezza dell’articolazione della grassella. Gambe corte, garretti forti, larghi, angolatura un po’ aperta. Metatarsi grossi, disposti in verticale. Non deve essere rigido sul posteriore. La linea verticale abbassata dalla tuberosità ischiatica deve passare al centro del garretto e del metatarso.

PIEDI: (anteriori e posteriori): Grandi, di forma ovale, compatti e chiusi.

ANDATURA: Sciolta, regolare. L’andatura caratteristica è un trotto corto, che si trasforma abitualmente, in caso di accelerazione, in un galoppo un po’ pesante. In movimento gli arti devono muoversi in linea retta con un leggero avvicinamento di quelli anteriori verso la linea mediana; le articolazioni degli arti anteriori e posteriori si muovono con facilità; il dorso e i lombi lavorano in scioltezza; Il garrese e la groppa devono restare allo stesso livello durante il trotto.

MANTELLO

PELO: Pelo diritto, ruvido, con sottopelo fitto di colore più chiaro. Sulla testa e sulla parte anteriore degli arti, pelo più corto, ben aderente al corpo.

Si distinguono tre gruppi secondo il pelo:

  1. A pelo lungo: pelo di copertura più lungo. Il pelo forma una criniera sul collo, nella parte posteriore degli arti, frange e calzoni. Il fitto pelo che copre la coda da ogni parte la rende forte e folta.
  2. A pelo corto: coperto da un pelo fitto, relativamente corto, senza criniera, senza frange, senza calzoni e senza pennacchio sulla coda.
  3. Cani di tipo intermedio: pelo lungo ma senza criniera ne frange ne calzoni ne pennacchio.

COLORE: Grigio a zone, con varie sfumature, abitualmente chiare e tendenti al rossiccio, rossiccio, color paglia, bianco, bruno rossastro, a fondo rosso con striature più scure ed anche pezzato e cosparso mi macchie.

ALTEZZA AL GARRESE: Per i maschi non meno di 65 cm; per le femmine non meno di 62 cm.

DIFETTI: Tutte le deviazioni rispetto a tutto quanto precede deve essere considerato difetto che sarà penalizzato in funzione della sua gravità.

DIFETTI GRAVI

DIFETTI CHE COMPORTANO LA SQUALIFICA:

Tutti i cani che presentano evidenti anomalie di ordine fisico o comportamentali saranno squalificati.

N.B.: I maschi devono avere due testicoli di aspetto normale, completamente scesi nello scroto.

FCI Standard N° 328 / 02.03.2011

CANE DA PASTORE DEL CAUCASO

ORIGINE : Russia

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.10.2010

UTILIZZAZIONE: cane da guardia e vigilanza

CLASSIFICAZIONE F.C.I.: Gruppo 2 Cani tipo Pinscher e Schnauzer, Molossoidi e Bovari Svizzeri. Sezione 2.2 Molossoidi. Tipo cane da montagna. Senza prova di lavoro.

BREVE CENNO STORICO: Si pensa che il pastore del Caucaso (CSD) sia una razza che tragga le sue origini dagli antichi cani del Caucaso. La razza è diffusa nei territori che si estendono dalla catena del Caucaso alle regioni delle steppe della Russia del Sud. L’evoluzione della razza non fu soltanto il risultato di una selezione naturale ma fu anche influenzata dai popoli che abitarono la Regione del Caucaso. Storicamente i Cani da pastore del Caucaso venivano usati per la guardia e per tenere alsicuro le mandrie, le greggi e le abitazioni dai selvatici e dai predatori. La primacitazione di un grosso molossoide usato dall’armata dello Zar dell’Armenia Tigran II risale al primo secolo a.C. Il lavoro di selezione sulla razza iniziò nell’ USSR nel 1920, e nel processo di selezione vennero curate qualità irrinunciabili come potenza fisica, fiducia in se stessi, mancanza di paura, udito finissimo, buona vista, e un fitto mantello impermeabile. Tutte queste qualità, così come la resistenza, permettono di usare il Pastore del Caucaso in tutte le condizioni climatiche, comprese le più inclementi.

ASPETTO GENERALE:Il Pastore del Caucaso è un cane armoniosamente costruito, grande, forte, con massiccia ossatura e un potente sistema muscolare; di forma leggermente rettangolare. Il dimorfismo sessuale è ben pronunciato. I maschi sono mascolini, con garrese ben sviluppato e una testa più grande di quella delle femmine. Sono anche più massicci, più grossi e spesso più corti nel corpo delle femmine. Nei soggetti della varietà di pelo più lungo i maschi hanno una criniera distintamente pronunciata.

N.B. I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali completamente discesi nello scroto.